InfoErbe

Tarassaco radice

Taraxacum officinalis Weber ex F. H. Wigg S.l. (radix)

Sat, 19 Apr 2008 12:18:15 +0200

Etnobotanica

  • Pianta cosmopolita conosciuta fin dal tempo degli egiziani, utilizzata dai greci e trattata ampliamente dagli enciclopedisti arabi, da Rhazes e Avicenna, e presente in tutti i trattati e gli erbari medioevali. Il nome generico Taraxacum potrebbe provenire dal persiano tark hoshgun (indivia silvestre) o dal greco taraxos (disordine) e akos (rimedio). Menzionato come indivia selvatica da Rhazes nel 10o secolo e da Avicenna nel 11o secoo. Il nome comunemente utilizzato in Europa era Dens Leonis (The Herbal of Johan von Cube: Herbarius Zu teutsch und von aller handkreuten (Ausberg 1488).
    Culpeper lo considera come una pianta molto utile per la diuresi e per “vedere lontano senza bisogno d'occhiali”.

    La radice è stata usata per trattare asma, disordini gastrointestinali (diarrea, gastrite, indigestione, inappetenza, dispepsia atonica con costipazione), diabete, disordini epatici (epato e splenomegalia, calcoli biliari, cirrosi, colecistite, ittero), urinari e renali (oliguria), ipertensione, edema cardiaco ed idropsia, reumatismo muscolare, disordini cutanei cronici. Il decotto si applica esternamente per vari disturbi cutanei.

  • Mon, 07 Feb 2005 08:05:09 +0100

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.