InfoErbe

Salvia

Salvia officinalis L.

Mon, 12 Sep 2005 10:45:25 +0200

Farmacologia

  • Farmacodinamica

    Studi in vitro
    Gli estratti di Salvia sono antibatterici, fungistatici e virustatici, azioni dovute in gran parte alla presenza di oli essenziali (anche se pure gli acidi fenolici salvina e salvina monometil etere sono attivi contro lo Staphylococcus aureus, e l’acido carnosolico inibisce la HIV-1 protease).
    Gli estratti sono inoltre carminativi e antispasmodici, coleretici, antiipertensivi, astringenti, mucolitici e antiidrotici.
    L’azione antiidrotica, che si supponeva dovuta ad un’azione di tipo ormonale, sembra invece dipendere da altri fattori.
    Un estratto acquoso di Salvia lavandulifolia ha mostrato attività ipoglicemica in modelli animali.
    L’acido rosmarinico è un potenziale trattamento per lo shock settico, dato che sopprime l’attivazione del complemento indotta da endotossine, la formazione di prostaciclina, entrambe le fasi ipotensive, la trombocitopenia ed il concomitante rilascio di tromboxano Az.
    Esso è inoltre un antinfiammatorio.

    Studi clinici
    In vari studiaperti la salvia ha ridotto la produzione di sudore in pazienti con iperidrosi (3-5 grammi foglia al giorno).
    In uno studio aperto durato tre mesi, un prodotto contenente estratti di salvia e Medicago sativa ha ridotto i sintomi della menopausa come vampate e sudorazione notturna, forse tramite un meccanismo antidopaminergico centrale.

  • Mon, 12 Sep 2005 10:44:38 +0200

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.