InfoErbe

Calendula

Calendula officinalis L.

Sat, 19 Apr 2008 12:09:53 +0200

Utilizzo

  • Utilizzi vari

    Le azioni più significative esercitate da questa pianta sono quella antinfiammatoria e quella antisettica astringente.

    Esternamente è forse la più tipica pianta per la pelle - è un trattamento efficace per la maggior parte dei problemi di pelle. Per un uso esterno (o topico) la tintura al 70-90% è la più indicata, dato che estrae le resine responsabili dell’astringenza. Usare come tintura o sotto forma di crema od unguento per tagli, graffiature e ferite; per pelle arrossata ed infiammata in genere, incluse le scottature minori (anche da abbronzatura); per acne e altre eruzioni cutanee; per le micosi cutanee come la Tinea corporis, pedis e per la Candida albicans.

    Utile anche nei casi di dermatite da pannolino e per lenire i capezzoli arrossati, specialmente durante l'allattamento (usare olio o unguento); aggiungere oli essenziali se necessario.

    Internamente, l’attività antinfiammatoria e antisettica vengono sfruttate nel trattamento delle infiammazioni del sistema digerente.
    Gastriti, ulcere peptiche, colite e malattia di Crohn possono tutte beneficiare dal suo uso regolare, in particolare quando vi siano evidenze di sanguinamento (melena). Ovviamente la sua azione può solo essere di supporto nelle condizioni gravi, ma è un supporto valido e ad ampio raggio (non dimentichiamo la leggera qualità amara).

    L’estratto al 70-90% è indicato quando si desideri una azione locale a livello della mucosa gastrica o intestinale, per esempio per tonificare ed astringere le mucose congestionate; l’estratto alcolico al 25%, con un più alto tasso di flavonoidi, è indicato invece quando si desideri una azione antiinfiammatoria a livello sistemico ed è particolarmente utile in caso di linfonodi ingrossati; viene infatti usata per trattare la tossicità presente in molte condizioni croniche (linfadenopatie, acne).

    La tintura di Calendula, magari associata ad un’altra tintura resinosa come la Mirra, è un ottimo rimedio locale per combattere infezioni vaginali micotiche e di altra origine. La stessa combinazione è un ottimo colluttorio (ma forte) per combattere infezioni gengivali, delle mucose e della gola. La tisana può essere utilizzata come lavaggio oculare.

    Creme od unguenti a base di calendula
    La Calendula è presente in moltissime prescrizioni fitoterapiche per il trattamento delle infezioni da Candida albicans, specialmente nel caso di infezioni croniche, come quelle del sistema digerente, dell'utero e della pelle.

  • Thu, 14 Apr 2005 10:28:25 +0200

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.