InfoErbe

Viola mammola

Viola odorata L.

Mon, 07 Nov 2005 17:14:27 +0100

Utilizzo

  • Utilizzi vari

    La Viola mammola (rizoma) ha una lunga storia di utilizzo come rimedio per la tosse e specialmente per il trattamento della bronchite.

    Come la Viola tricolor, viene solitamente classificata come pianta a saponine, e la loro presenza sicuramente spiega la sua importanza come rimedio espettorante stimolante, utilizzato per problemi bronchiali e congestivi, con catarro delle alte vie respiratorie. Aiuta infatti a rendere la tosse più produttiva.

    Lo sciroppo di fiori di Viola mammola è tradizionalmente usato come espettorante (simile alla Primula), anche se secondo Weiss è poco potente, e come antinfiammatorio.

    Grazie alla combinazione di azioni che presenta ed in particolare all’azione antinfiammatoria, può essere utilizzata nei problemi di pelle e per il trattamento a lungo termine dei problemi reumatici, anche se risulta meno potente e meno interessante di Viola tricolor in questo ambito.

    E’ stata utilizzata per il trattamento delle infezioni delle vie urinarie, anche se la sua azione è molto blanda.

    E’, ed è stata per secoli, considerata un analgesico leggero e un trattamento di supporto nelle terapie antineoplastiche, in particolare nel caso di tumori ai polmoni e al tratto digerente e anche se certamente non ha una diretta azione antineoplastica, può avere una funzione come coadiuvante di un’altra terapia in un trattamento a lungo termine del cancro.

    La pianta intera è stata utilizzata come lavaggio esterno in varie condizioni dermatologiche e la tisana dei fiori viene utilizzata come emolliente e per le stomatiti.

    La forma che risulta più efficace è il semplice infuso.

  • Mon, 07 Nov 2005 17:14:01 +0100

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.