InfoErbe

Guanabana

Annona muricata L.

Sat, 19 Apr 2008 11:46:14 +0200

Etnobotanica

  • Guanabana

    Review degli usi tradizionali. (Kokwaro 1993; Grenand, Moretti, Jacquemin 1987; de Feo 1992; de Almeida 1993; Asprey e Thornton 1955; Branch e da Silva 1983; Ruffo, Birnie, Tengnäs 2002)

    La guanabana ha una lunga storia d’utilizzo nella fitoterapia tradizionale indigena. Di tutte le indicazioni, quelle più comuni alle varie tradizioni sono relative al tratto gastrointestinale (parassitosi intestinale, diarrea e dissenteria, spasmi gastrointestinali) ed al sistema nervoso
    (sedativa, rilassante, analgesica).
    Nei tropici tutte le parti dell’albero (corteccia, foglie, radici, frutta e semi) sono utilizzate come fonte di rimedi medicinali. In generale il frutto ed il suo succo sono usati per parassitosi intestinale e come astringenti per diarrea e dissenteria, per abbassare la febbre e per aumentare la montata lattea. I semi sono considerati vermifughi ed antelmintici; le radici, la corteccia e le foglie sono utilizzate in estratti acquosi come sedative, antispasmodiche, ipotensive e “nervine” (aventi in altre parole un particolare tropismo per il sistema nervoso).
    Nelle Indie Occidentali i butti e le foglie primaverili sono usate per disordini della colecisti, per tosse e catarro, e per disordini del tratto gastrointestinale.
    In Ecuador le foglie sono un rimedio analgesico ed antispasmodico, e sono usate fresche come applicazione topica per disordini cutanei e reumatici.

    Nelle Ande peruviane l’infuso delle foglie è considerato un rimedio anticatarro e i semi un rimedio antelmintico. Nella zona amazzonica del Perù la corteccia, le radici e le foglie sono usate per il diabete, come sedativi ed antispasmodici.
    In Guyana i gruppi indigeni usano foglie e/o corteccia come infusione sedativa e tonica cardiaca.
    Nell’amazzonia brasiliana l’infuso delle foglie è usato per problemi epatici, mentre l’olio delle foglie e dei frutti acerbi, mescolato ad olio d’oliva, è usato esternamente per nevralgie, reumatismi e dolori articolari.

    In Giamaica, Haiti ed Indie Occidentali, il frutto e/o il suo succo è usato per febbre, parassiti, come galattogogo e diarrea; la corteccia o le foglie sono considerate antispasmodiche, sedative e calmanti per il cuore, la tosse e l’asma. Vengono anche utilizzate per influenza, parti difficili, astenia ed ipertensione.

    In Kenya le tribù dei Luo, degli Acholi e dei Digo usano un decotto di una specie affine (Annona senegalensis) come rimedio per il raffreddore. La resina è utilizzata come vulnerario su ferite ed abrasioni, ed il frutto si usa per dissenteria, diarrea e vomito.
    In tutta l’Africa dell’Est la stessa specie (A. senegalensis) ha molteplici utilizzi: la corteccia e le radici si usano come applicazione topica per morsi di serpente; la corteccia si usa per dissenteria e parassiti intestinali; le radici (lavate e bollite con farina di cereali) sono usate dai Nyamwezi per il
    trattamento della sterilità e per disturbi gastrointestinali (dispepsia, flatulenza, diarrea). I frutti si utilizzano per diarrea, dissenteria e vomito.


    Proprietà ed usi tradizionali principali
    Analgesica
    Antispasmodica
    Astringente e cicatrizzante
    Insetticida
    Preparatore per il parto e post partum
    Sedativa e tranquillizzante per insonnia e
    nervosismo
    Diarrea
    Dispepsia
    Dissenteria
    Dolori reumatici
    Febbre
    Influenza e raffreddore
    Ipertensione
    Micosi cutanee
    Parassiti intestinali
    Pellagra
    Piaghe
    Pidocchi dei capelli
    Problemi di cistifellea
    Problemi renali
    Problemi respiratori
    Svenimento


    Proprietà ed usi tradizionali secondari
    Antinfiammatoria
    Depurativa
    Diuretica
    Emetica
    Galattogoga
    Aborto spontaneo
    Asma
    Astenia
    Foruncoli
    Malaria
    Nevralgia
    Palpitazioni
    Problemi dermatologici


    Proprietà ed usi tradizionali delle diverse parti della pianta.

    Frutto: parassiti intestinali, febbre, scarsezza di latte, diarrea e dissenteria (decotto dei frutti acerbi), diuretico per ematuria, e dolore renale (succo del frutto).

    Foglia: sedativa, calmante per soggetti ubriachi (infuso con succo di lime), soporifera (imbottitura del cuscino oppure infuso), rilassante, antispasmodica, ipotensiva, anticatarrale, disordini epatici, febbre, tonico cardiaco, disordini della cistifellea (infuso di foglie e butti primaverili), per
    “raffreddare il sangue”, tosse, catarro, diarrea e dissenteria, per aiutare il parto, piedi infiammati e gonfi (compresse bagnate), ferite ed incisioni chirurgiche (foglie masticate), eczema e disordini cutanei (foglie fresche), pidocchi e parassiti della pelle (decotto).

    Semi: parassiti intestinali, diabete, pidocchi e altri parassiti della pelle (polvere od olio).

    Corteccia foglie e radici: sedative, antispasodiche, ipotensive, rilassanti, toniche cardiache, diabete
    (corteccia e radice), antelmintiche (radici), antidoto per avvelenamenti (corteccia della radice), emetiche (tintura idroalcolica dei semi).

    Fiori: analgesici, antispasmodici, febbre, catarro, rachitismo, tosse.

  • Mon, 26 Feb 2007 11:26:42 +0100

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.