InfoErbe

Camomilla romana

Chamaemelum nobile (L.) All.

Sat, 19 Apr 2008 12:10:29 +0200

Farmacologia

  • Introduzione

    A differenza della sua cugina, Matricaria recutita, esistono pochi studi sulla farmacologia della Camomilla romana. Dato che le due piante condividono molti costituenti, è ipotizzabile che i risultati validi per una siano rilevanti anche per l'altra; per una review più completa vedere la monografia sulla Matricaria recutita.

  • Mon, 21 Mar 2005 10:04:28 +0100
  • Antinfiammatoria

    In esperimenti su animali, la Camomilla romana ha ridotto l’edema indotto da carragenina, un test standard per l’infiammazione acuta. L’apigenina e alcuni componenti della frazione volatile sono i probabili responsabili per questa attività.

  • Mon, 21 Mar 2005 10:04:59 +0100
  • Sedativa

    La pianta agisce sul SNC riducendo il comportamento aggressivo (in modelli animali). Il farnesolo è sedativo e spasmolitico in vitro.

  • Mon, 21 Mar 2005 10:05:35 +0100
  • Antibatterica

    Gli oli essenziali sono attivi su G+ e dermatomiceti, e l’apigenina è associata a riduzione dell’infezione.

  • Mon, 21 Mar 2005 10:06:04 +0100
  • Citostatica

    La pianta mostra anche attività citostatica e antitumorale in vitro.

  • Mon, 21 Mar 2005 10:09:39 +0100

Glossario

Licenza Creative Commons
Il database InfoErbe
è pubblicato con
Licenza Creative Commons

Marco Valussi
Luciano Posani

Copyright 2000 - 2005 Miro International Pty Ltd. All rights reserved. Mambo is Free Software released under the GNU/GPL License.